Bingo Online il portale italiano di Bingo

Storia del Bingo

Storia del Bingo

Introdotto in Italia nel 1999, il Bingo ha riscosso da subito un notevole successo che ha registrato entro il primo anno la totale distribuzione delle concessioni previste dall’AAMS (Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato), stimata in 800 unità.

Successivamente sono stati introdotti tre decreti che meglio stabiliscono la concessione della licenza per l’apertura di una Sala Bingo:

  • D.M. 31 gennaio 2000 n. 29 - Regolamento recante norme per l'istituzione del gioco «Bingo» ai sensi dell'articolo 16 della legge 13 maggio 1999, n. 133.
  • D.M. 12 settembre 2000 - Controllo centralizzato del gioco del «Bingo».
  • D.M. 21 novembre 2000 - Approvazione della convenzione tipo per l'affidamento in concessione della gestione del gioco del «Bingo».

Nonostante agli inizi la corposa e continua affluenza facesse ben sperare per un successo duraturo del Bingo, gran parte dell’utenza ha iniziato negli anni ad abbandonare il gioco e molte sale, specie quelle situate in centri urbani dall’affluenza medio-bassa, hanno revocato la licenza.
L’arrivo del Bingo Online ha poi definitivamente minato l’interesse nei confronti delle sale fisiche poiché grazie alla tecnologia Internet è ormai possibile giocarvi comodamente da casa senza incorrere nel rischio di trovare una sala vuota e di conseguenza, giocare per un montepremi esiguo o al limite del ridicolo.

Il resto del mondo non è da meno nei confronti del Bingo ed anzi, in alcuni paesi come l’Argentina, gli ultimi vent’anni sono stati teatro di una crescente quanto costante mania nei confronti di questo gioco.

Anche gli Stati Uniti si difendono bene, anche se il termine utilizzato per chiamare il gioco è Beano (dall’inglese bean ovvero fagiolo) e conta l’estrazione di 75 numeri anziché di 90 come succede nel nostro Bingo. Anche le cartelle statunitensi differiscono dalle nostre nella quantità di numeri presenti: 24 contro 15.

Il Gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.